Chiudi

Calendario MRSN 2020

Informazioni:

Promozione attività editoriale
Laura Pivetta
Tel. +39 011 4325679

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Calendario MRSN 2020

Il calendario 2020 del Museo Regionale di Scienze Naturali è dedicato agli insetti, importantissimi artropodi in larga parte ancora sconosciuti alla scienza, ma che ricoprono un ruolo fondamentale negli ecosistemi.

Attualmente sono note all'incirca un milione di specie, ma si stima che da scoprire ne esistano ancora da uno a sette milioni.

Il Museo Regionale di Scienze Naturali possiede un vasto patrimonio entomologico consistente in quattro milioni e mezzo circa di esemplari, alcuni di grande valore storico e scientifico, in quanto provenienti da collezioni di illustri naturalisti dell'Ottocento o da importanti campagne di esplorazione e raccolta, condotte tra il XIX e il XX secolo.

Gli insetti, caratterizzati da una straordinaria diversità di forme e dimensioni, si possono incontrare in ogni ambiente terrestre, al di fuori di quello artico. La loro singolare adattabilità li ha resi la base di quasi tutti gli ecosistemi, colonizzando deserti, paludi, foreste tropicali, ambienti di alta quota e sotterranei.

In natura, sono preziosi alleati e svolgono un'enorme quantità di compiti: dal riciclo della materia organica, all'aerazione del terreno che ne migliora la fertilità; dalla predazione di altri insetti, spesso dannosi per l'agricoltura o per l'uomo, alla simbiosi con migliaia di specie vegetali a cui garantiscono protezione, diffusione dei semi e impollinazione.

Purtroppo, recenti studi hanno rilevato che, a livello globale, almeno il 50% delle specie sia in rapido declino e il 30% a rischio di estinzione.

Le cause sono per lo più riconducibili alle attività umane che hanno come conseguenze inquinamento, riscaldamento globale, riduzione degli habitat e minaccia alla biodiversità. Se questa tendenza non verrà rapidamente fermata o invertita, gli effetti sugli ecosistemi del Pianeta saranno gravissimi.

Le immagini di questo calendario

Le immagini riprodotte sono tratte da libri ottocenteschi, illustrati con tavole dipinte a mano dai più rinomati disegnatori scientifici dell'epoca, conservati presso la Biblioteca del Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino (MRSN) e provenienti dal Fondo Spinola, una raccolta di oltre 6000 volumi, 3771 titoli, che il Museo rilevò nel 1982 dai suoi eredi.

Il marchese Massimiliano Spinola, (Pezenas 1780 – Tassarolo 1857), studioso e appassionato entomologo, appartiene a una delle più illustri e facoltose famiglie liguri. Liberale in politica, accusato senza ragione di simpatie mazziniane, fu arrestato e rinchiuso nella fortezza di Alessandria e in seguito confinato nel suo castello di Tassarolo.

Durante il lungo periodo di reclusione si dedicò con grande interesse agli studi di entomologia, pubblicando numerosi lavori sulle principali riviste scientifiche, italiane e francesi.

La collezione di insetti di Spinola, comprendente soprattutto imenotteri, è oggi custodita nel Museo torinese assieme al fondo librario, uno straordinario patrimonio di opere entomologiche, zoologiche e libri di viaggi ed esplorazioni, pubblicate dal 1500 a metà Ottocento.

La Biblioteca possiede inoltre circa 19.000 monografie moderne e 1000 riviste tematiche provenienti da tutto il mondo.

Il Museo è anche editore di un bollettino scientifico annuale e pubblica diversi libri specialistici e divulgativi sulle scienze naturali.

 

Il Calendario 2020 del Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino è in distribuzione gratuita. Deve essere prenotato tramite email, scrivendo all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Si ricorda agli utenti che il calendario può essere ritirato di persona presso la sede museale, al più tardi entro venerdì 31 gennaio 2020.