Chiudi

Museo Paleontologico Territoriale dell'Astigiano e del Monferrato

Informazioni:

Corso Alfieri, 381
14100 Asti
Tel. +39 0141 592091
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

sito web www.museodeifossili.org

Facebook

Orari
Da lunedì a giovedì dalle 10,00 alle 16,00
Domenica in ora solare dalle 10,00 alle 13,00 | dalle 15,00 alle 18,00
Domenica in ora legale dalle 10,00 alle 13,00 | dalle 16,00 alle 19,00
Chiuso venerdì e sabato

Durata della visita: un'ora circa

Ingresso a pagamento

Museo Paleontologico Territoriale dell'Astigiano e del Monferrato

Il Museo Paleontologico Territoriale dell'Astigiano e del Monferrato è detto anche Museo dei Fossili.
È gestito dall'Ente delle Aree Protette Astigiane ed è ospitato nel "Palazzo del Michelerio", in origine un monastero risalente alla metà del secolo XVI.

Il Museo salvaguarda e valorizza il patrimonio paleontologico del territorio Artigiano-Monferrato, corrispondente al complesso geologico definito "Bacino Terziario Piemontese".

Il Museo spiega al visitatore, in modo chiaro ed esaustivo, come si formano i fossili e descrive attraverso le testimonianze fossili, soprattutto di molluschi e cetacei, i più importanti eventi geo-paleontologici occorsi negli ultimi 25 milioni di anni (tra Miocene e Pliocene) quando tutta la Pianura Padana e, quindi, anche l'Astigiano e il Monferrato erano occupati dal mare.

Collezioni

Le collezioni offrono un quadro completo del patrimonio paleontologico astigiano.
Oltre ai reperti esposti sono presenti più di 14.000 fossili di proprietà statale, attribuibili in prevalenza all'epoca pliocenica e visibili su richiesta specifica.

La collezione di cetacei fossili dell'astigiano, ritrovati negli ultimi 55 anni in Piemonte, è una delle più importanti d'Italia e d'Europa.
Tra gli esemplari più rilevanti si possono citare:

  • la Balenottera di Valmontasca (Vigliano d'Asti) (Balaenoptera acutorostrata cuvierii)
  • la Balena di S. Marzanotto d'Asti ( detta Tersilla in studio)
  • la Balena di Chiusano d'Asti (in studio)
  • il Delfino di Settime (AT) (Septidelphis morii)
  • il delfinide di Belangero (AT) (in studio)

Bookshop

Nel bookshop sono in vendita gadgets, libri e pubblicazioni naturalistiche di cui la maggior parte a carattere paleontologico.

Attività

Il Museo propone:

  • Progetti didattici specifici dalla scuola d'infanzia all'università.
  • Escursioni guidate, uniche nel loro genere, nei siti paleontologici attrezzati nei quali si possono vedere affioramenti che mostrano i fossili in situ e costituiscono esempi di notevole spettacolarità e rappresentatività ambientale. Organizzate da marzo a ottobre, in sinergia con il Sistema Urbano "Asti città Museo" del Comune di Asti.
    Molti percorsi sono studiati in collaborazione con l'Università di Torino e Alessandria e associazioni di trekking escursionistico.
  • Visite guidate su richiesta al Museo e nelle aree protette.
  • Eventi speciali: Giornate Europee del Patrimonio (settembre), Settimana della Cultura (aprile), Halloween (31 ottobre).
  • Collaborazioni scientifiche con: il Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino, il Dipartimento Scienze della Terra dell'Università di Torino, il Museo Paleontologico "G. Maini" di Ovada, il Museo Geologico Sperimentale Giaveno (TO), l'UTEA di Asti, il WWF.

Pubblicazioni

Pubblicazioni a carattere paleontologico:

  • Damarco P., La formazione di un territorio – Storia geo-paleontologica dell'Astigiano. Quaderno Sc. dell'Ente Parchi Astigiani n. 7, pp. 312, Asti, 2009.
  • Pavia G., Bortolami G. & Damarco P., Censimento Dei Geositi del settore regionale della Collina di Torino e Monferrato, Quaderno Scientifico n. 5, 146 pp., Ente Parchi Astigiani - Comunicazione, Cuneo, 2004.
  • Damarco P., Conchiglie attuali e fossili, Guida Didattica n. 2, Ente Parchi Astigiani, stampato in proprio, 2003.
  • Damarco P., Paleontologia dell'Astigiano. Storia della formazione del territorio, Guida Didattica n. 1, Ente Parchi Astigiani, stampato in proprio, 2002.

Pubblicazioni a carattere naturalistico:

  • Bo T., Fenoglio S. & Ravetti F., Manuale di riconoscimento dei principali gruppi di macroinvertebrati bentonici fluviali, Quaderno Scientifico n. 8, pp. 128, Asti, 2010.
  • AA.VV., La Riserva Naturale della Val Sarmassa. Note sul Convegno "La Riserva Naturale della Val Sarmassa: risorsa economica e culturale del territorio". In"Culture", III, n, 7 , pp. 13-58, Diffusione Immagine Ed., Asti, 2004.
  • Nosenzo L., La casa sull'albero. Microstorie tra uomini e piante, 175 pp., Ente Parchi Astigiani - Edizioni Grafiche Acqui terme (AL), 2003.
  • Correggia F., Flora vascolare del settore Nord- occidentale della Provincia di Asti (Piemonte, Italia NW), Quaderno Scientifico n. 4, estratto da Rivista di Storia Naturale, vol. XXIII, 96 pp., Comunicazione, Cuneo, 2002.
  • Scuola Media Statale "C. Mandrino" - Mombercelli, Penne , piume e fantasia, Quaderno didattico n. 2, 92 pp., Ente Parchi Astigiani, Asti, 2002.
  • Allegro G., La Carabidofauna dell'Oasi WWF "Il Veneto" di Rocchetta Tanaro (Asti, Piemonte) - I Carabidi insetti di successo, Quaderno Scientifico n. 3, estratto ampliato da Rivista di Storia Naturale, vol. XXII, 48 pp., Comunicazione, Cuneo, 2001.
  • Scuola Media Statale "A.Fagnano" - Rocchetta Tanaro, Alberi e arbusti - Mistero e bellezza, Quaderno didattico n. 1, 96 pp., Ente Parchi Astigiani, Asti, 2001.
  • Picco F. & Ravetti F., Flora vascolare del Parco Naturale regionale di Rocchetta Tanaro (Provincia di Asti, Piemonte), Quaderno Scientifico n. 1, estratto da Rivista di Storia Naturale, vol. XXI, 64 pp., Comunicazione, Cuneo, 2000
  • Debernardi P. & Patriarca E., I Mammiferi delle aree protette astigiane: inventario e caratterizzazione ecologica preliminare (Provincia di Asti, Piemonte), Quaderno Scientifico n. 2, estratto ampliato da Rivista di Storia Naturale, vol. XXI, 32 pp., Comunicazione, Cuneo, 2000.
  • Scuola Media Statale "A.Fagnano" - Rocchetta Tanaro, C'era una volta il mare. Storie di mare, storie di terra nel luogo di confine tra fantasia e realtà, 64 pp., Edizioni Abele, Torino, 1996.