Chiudi

Ente di gestione delle aree protette della Valle Sesia

Informazioni:

Ente di gestione delle aree protette della Valle Sesia
Corso Roma, 35
13019 Varallo (VC)
Tel: +39 0163 54680
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.areeprotettevallesesia.it

Facebook

Orari apertura uffici
Da lunedì a giovedì: dalle 8.30 alle 17.00.
Venerdì: dalle 8.30 alle 12.30.
Chiuso sabato e domenica.

Ingresso gratuito.

Ente di gestione delle aree protette della Valle Sesia

L'Ente di gestione delle aree protette della Valle Sesia è stato istituito nel 2012 e comprende il Parco naturale Alta Valsesia, il Parco naturale del Monte Fenera e l'Alta Val Strona.

Parco naturale Alta Valle Sesia

Il Parco naturale Alta Valsesia, istituito nel 1979, è il parco più alto d'Europa con i 4.559 m della Punta Gnifetti sul Monte Rosa.

Gran parte del Parco ha una morfologia di tipo glaciale.
I ghiacciai sono l'elemento predominante della Valsesia e influenzano l'ecosistema del Parco.
La vegetazione è quella propria del piano alpino e subalpino: si passa dai boschi di larice, alle praterie alpine e, ancora più in alto, alle specie pioniere degli ambienti più estremi.
Nelle aree non interessate dai ghiacciai è presente la vegetazione tipica del piano montano, rappresentata da fitti boschi di faggio e abete bianco.

Stambecchi, camosci, marmotte, caprioli, galli forcelli, lepri e aquila reale rappresentano solo alcune delle specie faunistiche presenti nel Parco e che si possono osservare durante un'escursione.

Il territorio tutelato si estende per circa 6.500 ettari e occupa le testate della Valsesia, Val Sermenza e Val Mastallone, interessando i comuni di Alagna, Rima, Carcoforo, Rimasco, Fobello e Rimella.

All'interno del Parco sono presenti parecchi punti di interesse, tra i quali:

  • Museo Naturalistico di Carcoforo

    La sede del Museo Naturalistico di Carcoforo è in una delle poche antiche case in legno di origine walser ancora presenti nel territorio, nella Frazione Tetto Minocco.

    Il Museo è il centro visita e punto informativo del Parco ed è suddiviso in tre settori. Una reception, dove sono presenti due postazioni multimediali consultabili dai visitatori per acquisire notizie utili sulle caratteristiche naturalistiche e storiche del Parco. Una sala espositiva con pannelli descrittivi dei principali ambienti naturali e delle specie animali e vegetali più rappresentativi del Parco. Un salone polivalente per mostre e convegni connessi alle attività istituzionali del Parco.

    Nel Museo è inoltre presente, unico caso nelle aree protette del Piemonte, una sala sensoriale per i visitatori non vedenti e ipovedenti che possono così "toccare" il Parco.

    Il Museo è dotato di una strumentazione scientifica di base utilizzata per le attività di ricerca e didattica naturalistica.

  • Centro visita all'Alpe Fum Bitz

    Il centro visita del Parco si trova presso l'Alpe Fum Bitz, a 1.600 m circa di quota, nel comune di Alagna Valsesia.

    È raggiungibile con pochi minuti di cammino in un ambiente panoramico e naturalisticamente interessante, al cospetto dei ghiacciai della parete sud del Monte Rosa.

  • Giardino botanico

    Il Giardino botanico del Parco è nelle immediate vicinanze del centro visita all'Alpe Fum Bitz e ospita le principali specie vegetali caratteristiche dell'area protetta.

    Una sezione importante del giardino botanico è dedicata alle felci, primitive forme di vita vegetale scarsamente conosciute per la difficoltà nella corretta determinazione delle specie e la complessità del loro ciclo biologico.

Informazioni

Parco naturale Alta Valle Sesia
Tel: +39 0163 54680
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.areeprotettevallesesia.it

Parco naturale del Monte Fenera

Il monte Fenera si erge, possente e solitario, sopra i rilievi della bassa Valsesia e il suo profilo è riconoscibile dalla pianura novarese e vercellese.

Il Parco Naturale del Monte Fenera, istituito nel 1987, comprende una superficie di 3.378 ettari.

Assai interessante per gli aspetti geologici, il Monte Fenera presenta sui versanti occidentali numerose grotte. Alcune di queste sono di notevole interesse archeologico e paleontologico in quanto testimoniano segni unici in Piemonte della presenza dell'uomo di Neanderthal, vissuto in questi luoghi circa 50.000 anni fa, e dell'Orso delle Caverne (Ursus spelaeus), estintosi 20.000 anni fa.
Parte del materiale derivante dalle raccolte effettuate nelle cavità presenti nel Monte Fenera è conservato ed esposto presso il Museo di Archeologia e Paleontologia di Borgosesia.

Il monte Fenera è un vero microcosmo con molti ospiti d'eccellenza fra cui: la cicogna nera, specie assai rara che da alcuni anni frequenta il Parco, il picchio muraiolo e il falco pellegrino.
La flora del parco presenta alcune rarità come la dafne alpina, la vite selvatica, la lingua cervina e la felce florida.

Nel parco si trovano alcune emergenze architettoniche quali il Santuario del Crocefisso di Boca, esempio di sperimentazione progettuale dell'architetto Alessandro Antonelli, e le chiese di Soliva e Castagnola in stile neoclassico.

All'interno del Parco sono presenti parecchi punti di interesse, tra i quali:

  • La Casa delle grotte di Ara

    Ad Ara, frazione del comune di Grignasco, c'è la "Casa delle Grotte" che può essere definito come un vero e proprio centro visita del Parco Naturale del Monte Fenera.

    Nella Casa è presente un'area espositiva con pannelli eplicativi, minerali e materiali sperimentali, attraverso i quali il visitatore può scoprire la natura e la storia del Monte Fenera.

    Un'area attrezzata con servizi e tavoli è a disposizione dei visitatori all'interno e all'esterno della struttura.

Attività

Il Parco propone:

  • attività didattiche per i ragazzi dalla scuola dell'infanzia alla scuola secondaria: percorsi naturalistici, laboratori di archeologia sperimentale e attività di orienteering
  • escursioni guidate per adulti.

Informazioni

Associazione culturale "3P – Progetto Preistoria Piemonte" | Tel: +39 327 5483776 | e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.areeprotettevallesesia.it

Alta Val Strona

L'Alta Val Strona, entrata a far parte del sistema delle aree protette piemontesi nel 2012, occupa circa 650 ettari e comprende alcune classiche mete escursionistiche come la Montagna Ronda (2.417 m), la Cima Capezzone (2.421 m), la Cima Altemberg (2.394 m) e il tratto del percorso GTA tra Rimella e Campello Monti.

Campello Monti è il nucleo abitato di fondovalle fondato nel XV secolo ad opera dei walser provenienti da Rimella.
In Campello Monti le tipiche abitazioni walser sono state realizzate in pietra e non in legno come vuole la tradizione walser in quanto mancava la materia prima: il larice.

Il paesaggio naturale si compone in gran parte di ambienti alpini erbosi e rupestri.
La forte riduzione del pascolo ha permesso la colonizzazione delle cenosi erbacee da parte delle formazioni arboree e arbustive che occupano intere pendici e sono costituite in prevalenza da ontano verde e rododendro e anche da maggiociondolo, sorbo degli uccellatori e la rara ginestra raggiata (Genista radiata).

Informazioni

Ente di gestione delle aree protette della Valle Sesia
Tel: +39 0163 54680
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.areeprotettevallesesia.it

Pubblicazioni

Elenco delle pubblicazioni dell'Ente e materiale scaricabile online sono presenti sul sito web dell'Ente.