Chiudi

Vista parziale della Sala di geologia. Sulla destra: le due vetrine con i minerali delle vallate cuneesi.

Informazioni:

Museo Civico Archeologico e di Scienze Naturali "Federico Eusebio"
Via Vittorio Emanuele II, 19
12051 Alba (Cn)
Tel: +39 0173 292473 | +39 0173 292475
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Scheda Museo

Orari
Lunedì: chiuso.
Da martedì a venerdì: dalle 15.00 alle 18.00.
Sabato, domenica e festivi: dalle 10.00 alle 13.00 | dalle 15.00 alle 19.00.

Ingresso a pagamento. | Verificare eventuali gratuità.

Audioguida a noleggio.

La "Vetrina" del Museo Civico Archeologico e di Scienze Naturali “Federico Eusebio”

Il Museo Civico Archeologico e di Scienze Naturali "Federico Eusebio" possiede:

  • Collezione mineralogica sistematica.
    Comprende, con buona approssimazione, 1.100 campioni riguardanti prevalentemente il Piemonte, con particolare attenzione per la provincia di Cuneo.
    Due vetrine, con sviluppo espositivo totale di circa 8 metri quadrati, contengono campioni di minerali delle valli cuneesi che sono disposti in ordine topografico, da nord a sud.
    Una terza vetrina, anch'essa con minerali del Cuneese, è attrezzata con deviatore lampada a luce bianca/lampada di Wood a ultravioletti per mostrarne la fluorescenza.
    La collezione sistematica di minerali è inoltre ordinata in cassetti sotto le vetrine e in tre mobili metallici dedicati.
    La collezione di minerali del Museo è importante, sotto il profilo scientifico, perché conserva la raccolta più completa esistente di minerali del Cuneese tra cui figurano anche 3 cotipi di minerali (cioè uno dei campioni esaminati dall'autore che ha descritto una nuova specie mineralogica): la grandaite, la lombardoite e la piccoliite.
  • Altre collezioni mineralogiche interessanti.
    - 201 campioni già appartenuti alla collezione del Seminario di Alba
    - 103 campioni donati da Fernando Voerzio di Torino
    - 120 campioni, in corso di ordinamento, donati da Ezio Franchino di Boves.
  • Collezione petrografica.
    È formata da 87 campioni di "marmo".

Dal 1976 tutti i reperti sono schedati in un registro cartaceo.
Tale registro è riportato in un catalogo informatizzato.

Il primo nucleo espositivo della collezione nacque negli anni 70 del 1900 con la ricerca e la raccolta di minerali nelle valli cuneesi su iniziativa di Gian Paolo Piccoli, primo conservatore della Sezione di Geologia e Paleontologia del Museo (dal 1976 al 1989).
Da allora la collezione museale di minerali viene aggiornata e incrementata costantemente.

Le collezioni del Museo sono a disposizione di studiosi e ricercatori (previo accordo col conservatore, Giovanni Repetto, contattabile all'indirizzo mail del Museo).
Il Museo organizza attività didattiche per l'avvicinamento del pubblico alla mineralogia, tra cui la "giornata mineralogica" che si svolge solitamente in autunno.

Pubblicazioni

  • Baroncelli M.A. & Gallo L.M., Le rocce: conoscerle, raccoglierle, collezionarle, Alba, Amici del Museo «Federico Eusebio», 152 pp., 1999.
  • Piccoli G.C., Minerali delle Alpi Marittime e Cozie, Provincia di Cuneo, Alba, Amici del Museo «Federico Eusebio», 366 pp., 2002.
  • Albanese L., Gallo L.M. & Repetto G., Marmi. La collezione del canonico Pozzetti per la cappella del Seminario di Alba, Museo Eusebio di Alba e Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino, 72 pp. + XXIV tt., 2004.
  • Cavallo O. & Marengo A., Civico Museo Archeologico e di Scienze Naturali «Federico Eusebio» di Alba. Guida alla visita. 2. Sezioni di Scienze Naturali, Città di Alba, Regione Piemonte, Settore Beni e Sistemi Culturali, 51 pp., 2006.
  • Repetto G. & Gallo L.M., Una nuova collezione mineralogica per il Museo "Eusebio": la donazione Fernando Voerzio, Alba Pompeia, n.s., 27 (1): 87-92, 2006.
  • Piccoli G.C., Maletto G., Bosio P. & Lombardo B., Minerali del Piemonte e della Valle d'Aosta, Alba, Amici del Museo «Federico Eusebio», 608 pp., 2007.
  • Maletto G. & Piccoli G.C., Minerali in Val d'Ala, Alba, Amici del Museo «Federico Eusebio», 224 pp. + carta dei siti mineralogici della Val d'Ala (fuori testo), 2014.